Alternanza Scuola Lavoro

  1. Home
  2. Liceo delle Scienze Applicate
  3. Alternanza Scuola Lavoro

La Legge 107/2015 c. 33 stabilisce un monte ore obbligatorio di 200 ore nei Licei da svolgersi nell’arco del triennio a partire dalle classi terze. Dato che il fine ultimo è quello di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti, l’alternanza scuola-lavoro è considerata a tutti gli effetti parte del curricolo scolastico e componente strutturale della sua formazione.  Tradizionalmente i licei rappresentano le scuole che offrono una formazione più culturale e meno pratica, ma il fatto di coinvolgerli nell’alternanza mira a superare l’idea che studio e lavoro debbano viaggiare su binari separati, puntando a una sinergia tra il percorso formativo e la realtà lavorativa.

Il nostro istituto è da sempre aperto a questi cambiamenti, e per questo già a partire dal primo anno di introduzione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro sono state attivati progetti e partnership ad hoc per gli studi. I percorsi sono attivati durante l’arco del secondo biennio prevedendo di svolgere la maggior parte del monte ore entro l’inizio del V anno. L’inserimento degli studenti nei contesti operativi è organizzato in parte nell’orario annuale dei piani di studio (percorsi pensati per gruppi classe), e in parte nei periodi di sospensione delle attività didattiche (percorsi per gruppo di scopo e individuali). Il percorso più impegnativo, sia da un punto di vista di preparazione che di monte ore, viene effettuato solitamente durante il quarto anno e in un Paese extra-europeo, e cambia di anno in anno. Per quanto riguarda il terzo anno invece, grazie ad una collaborazione con Aquafil SpA la progettualità prevede la stessa destinazione ogni anno.

progetti in corso ed effettuati negli scorsi anni

Dal 2015/2016: Slovenia
I ragazzi della 3 liceo sono impegnati ogni anno in una settimana di alternanza scuola-lavoro in Slovenia. Supportati da una collaborazione pluriennale con Aquafil SpA, gli studenti entrano in contatto con una realtà aziendale multinazionale per conoscerne i sistemi produttivi e la policy di sostenibilità ambientale che la contraddistingue. I ragazzi  fanno visita a due stabilimenti e ad un allevamento ittico che fornisce reti da pesca a fine vita che Aquafil riutilizza per produrre nuovamente Nylon attraverso il  processo Econyl.

2018/2019: Uzbekistan (Tashkent, Bukhara, Samarcanda)
Grazie a questo progetto, sostenuto da Accademia d’Impresa di Trento con la collaborazione di Camera di Commercio di Trento e dalla Camera di Commercio Italia-Uzbekistan di Milano gli studenti hanno approfondito le differenze tra gli aspetti culturali, produttivi, turistici e, in generale socio-economici del Trentino e quelli dell’Uzbekistan. L’attività principale è consistita nell’”ambasceria” in tre delle principali città uzbeke. Sul territorio gli alunni hanno incontrato l’Ufficio del Ministero del Turismo dell’Uzbekistan, i Sindaci di Tashkent e Samarcanda e il Vice Rettore della Silk Road University di Samarcanda.

Dal 2017/2018: Giappone (Tokyo)
In questo progetto, docenti e studenti del gruppo classe si sono impegnati in un lavoro di documentazione e preparazione sui temi degli studi sismici e geotecnici della Provincia di Trento, sulla prevenzione in ambito edilizio e urbanistico, e sui servizi di emergenza come la Centrale Unica di Emergenza e il sistema dei Vigili del fuoco, grazie all’apporto degli enti partner del progetto.

2016/2017: Stati Uniti (Atlanta e New York City)
Grazie al supporto di Aquafil Spa e BIM Sarca, Mincio, Garda, partner di questo progetto, gli studenti hanno potuto trascorrere una settimana sulle rive del fiume Chattahoochee nei dintorni di Atlanta per studiare il funzionamento e la gestione del parco fluviale (in comparazione con quello locale della Sarca). Un altro ambito di studio è stato la sostenibilità ambientale, che gli studenti hanno potuto osservare sia con un’analisi delle acque fluviali, sia grazie alla visita allo stabilimento Aquafil di Atlanta, famoso per la sua attenzione ai problemi dell’inquinamento e della gestione delle risorse ambientali.

2015/2016: Cina (Pechino e Shangai)
Il progetto ha permesso di far studiare e visitare una realtà mondializzata operante in Trentino e in Cina: Aquafil SPA (uno dei principali attori, in Italia e nel mondo, nella produzione di fibre sintetiche) e il tour operator CITS (impegnata nell’ideazione, realizzazione e promozione di iniziative e progetti orientati allo sviluppo del turismo in Cina).

2014/2015: Vietnam
Il progetto ha previsto un focus sul turismo sostenibile e responsabile curato assieme ai partner ANT e GTV (associazioni di volontariato trentine) nei villaggi vietnamiti, e un approfondimento sulle attività a sostegno della cura e dei servizi medico tecnologici per la regione nord del Paese.

COLLABORAZIONI

Il nostro istituto collabora da diversi anni con la Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento, con l’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente (APPA), con il Centro di Ricerca Sport, Montagna e Salute (CERISM) di Rovereto e con l’Università degli Studi di Trento per la messa in atto di progetti sia di classe che individuale per gli studenti del Liceo delle Scienze Applicate.

Menu